Vuoi un’ analisi completa dei tuoi sintomi in meno di 10 minuti? Fai il test!
Home Cervicale e mal di testa Ansia e stress nervoso possono provocare cervicale, dolori diffusi e molti altri sintomi: ecco come uscirne

Ti capita di sentire una tensione diffusa a collo e spalle, rigidità generalizzata e dolori non ben definiti? Questi sintomi si accompagnano magari anche a disturbi gastro enterici (come i gonfiori), stanchezza e scarsa qualità del sonno? In generale, ti sembra di essere spesso “in tensione come una corda di violino“?

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

Beh, è probabile che il tuo sistema nervoso ti stia giocando un brutto tiro, e che abbia deciso di mantenersi costantemente in uno stato di “attacco”, anche quando dovresti essere in relax.

Non ti preoccupare: in questo articolo ti spiegherò come mai può succedere questo (spesso non è solo l’ansia o lo stress come ti hanno sempre detto) e cosa puoi fare per “abbassare il volume” della tensione nervosa.

Anche in questo video, preso dalla mia pagina Facebook, ho trattato l’argomento.

PS: l’articolo è sicuramente un po’ lungo. Meglio così: significa che ti mette a disposizione molte informazioni gratuitamente. Tuttavia, se non hai tempo, prova a fare il TEST cliccando qui sotto.

 


PS: l’articolo è lungo e non hai tempo di leggerlo?

Non c’è problema: ho preparato un TEST che ti permetterà di capire se questo articolo e questo sito possono aiutarti.

powered by Typeform

 

Bene, cominciamo col cercare di capire come fa il sistema nervoso a darti tutti questi disturbi.


Come il sistema nervoso può provocarti problemi

Quali sintomi può provocarti il sistema nervoso

Perchè il tuo sistema nervoso può causarti ansia e stress

Cosa puoi fare per migliorare il tuo sistema nervoso

Strategie per “abbassare il tono” del sistema nervosoClergerie Intrecciate Ciabatte Farfetch Ciabatte Clergerie Ciabatte Farfetch Intrecciate Clergerie WedxrBCo

Strategie per “potenziare” il sistema nervoso

Conclusione


 

Come il sistema nervoso può provocarti problemi

Ci sono ovviamente diversi modi in cui il sistema nervoso può crearti dei fastidiosi sintomi: stiamo parlando di un sistema che sarebbe capace di crearti dolore ad un piede anche se quel piede te lo avessero amputato 10 anni prima (sindrome dell’arto fantasma) quindi….il ragazzo non scherza!

Voglio però che ti concentri su due meccanismi ben gestibili ma che ti possono dare un sacco di grattacapi, cioè l’aumento di tono del sistema ortosimpatico e la riduzione delle capacità anti infiammatorie.

Cos’è questa roba?Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

 

Meccanismo #1:Aumento di tono dell’ ortosimpatico

Il sistema nervoso ortosimpatico è una parte del sistema nervoso autonomo che si attiva automaticamente (per questo si chiama autonomo) quando siamo di fronte ad un pericolo, o quando stiamo affrontando un’attività fisica; in pratica si attiva ogni qualvolta ci sia uno stress più o meno grande.

La sua funzione è di preparare l’organismo ad affrontare questo stress: alza i battiti cardiaci, la pressione, ed ovviamente…..il tono muscolare!

Non vorrai mica scappare da quella tigre che ti insegue con i muscoli tutti flaccidi no?

Benissimo, per “x” motivi, che possono non essere soltanto di natura emozionale (tra poco li vedremo) il tuo “rubinetto dell’ortosimpatico” potrebbe essere costantemente aperto, anche quando oramai sei riuscito a seminare la tigre.

Come saranno i muscoli in questo caso? Ovvio, sempre tirati come corde di violino!

 

Meccanismo #2: Inibizione delle capacità anti infiammatorie

In un famoso esperimento, il neurochirurgo K Tracey ha iniettato dell’antiinfiammatorio nel cervello delle cavie, osservando uno stupefacente effetto anti infiammatorio in tutto il corpo.

Volendo capire quale fosse il nervo che dal cervello aveva condotto l’effetto anti infiammatorio, li tagliò uno ad uno ed arrivò a scoprire che si trattava del nervo vago.

Il nervo vago è un “famoso” nervo che parte dal tronco dell’encefalo e “vaga” (da qui il nome) per tutto il corpo, innervando sopratutto gli organi.

E’ il principale nervo del sistema “parasimpatico” che..indovina un po’?

Fa tutto il contrario dell’ortosimpatico: ti rilassa, ti aiuta a digerire, rallenta i battiti, eccetera eccetera.

Da alcuni anni sappiamo che è anche il principale sistema anti-infiammatorio che l’organismo ha a disposizione.

Sappiamo (lo conferma l’American Psychological Association) anche che questo meccanismo anti infiammatorio può avere le “polveri bagnate”, cioè funzionare molto meno quando…la persona ha una emotività fortemente negativa!

Hai capito bene: se hai costantemente rimugino sugli stessi pensieri, se sei convinto che le cose per te non possono che peggiorare… stai riducendo le tue capacità anti infiammatorie!

Un ottimo motivo per cambiare marcia no?

Bene, questi sono due importanti modi in cui il sistema nervoso può “fregarti” : ora cerchiamo di capire che sintomi può provocarti.

 

Quali sintomi può provocarti il sistema nervoso

 

Sintomo #1: Cefalea muscolo tensiva

Quando il tono dell’ortosimpatico aumenta molto, aumenta anche la presenza in circolo di catecolamine (adrenalina e noradrenalina), le quali sono sostanze vaso-costrittrici periferiche.

La loro presenza è utilissima in certi casi, ma la loro produzione costante tiene, come abbiamo già visto, i muscoli sempre tesi e rigidi.

Il tratto cervicale è particolarmente sensibile a questi meccanismi, e sai già che quando la tensione al tratto cervicale è alta, questa può diventare in un attimo cefalea muscolo tensiva.

Questo meccanismo è ben descritto in un mio precedente articolo sulla cefalea muscolo tensiva.

 

Sintomo #2: Dolori e rigidità al tratto cervicale

Come stavo dicendo prima, la costante attività dell’ortosimpatico tiene i muscoli sempre tesi, ed in particolare i muscoli cervicali.

Tipicamente chi ha questo tipo di situazione non avverte dolore in un punto preciso, ma sente più che altro una “morsa” ai lati del collo.

Di solito hanno sempre voglia di stiracchiarlo o di farsi scrocchiare, perchè gli dà un brevissimo ed illusorio beneficio.

 

Sintomo #3: Dolori diffusi e rigidità

Dicevamo che il sistema ortosimpatico tiene i muscoli sempre in tensione, quindi è logico pensare che se hai questo tipo di situazione, la tua mobilità sarà scarsa, e la tua sensazione sarà di rigidità diffusa.

Non solo: abbiamo visto prima come il sistema nervoso, tramite il nervo vago, eserciti importanti effetti anti infiammatori su tutto il corpo, e come certi stati emotivi possano ridurre queste funzioni.

Se questo è ciò che ti capita, potresti benissimo avvertire dolori diffusi e non ben definiti, semplicemente perchè il corpo non è più in grado di “sfiammarsi”.Un Shopping Nuovo Online Modo Fare Di deCWrxoB

 

Sintomo #4: problemi digestivi

Non esistono soltanto i muscoli scheletrici, cioè quelli che puoi palpare. L’intestino è mosso da muscoli, così come lo stomaco, il colon, ed in generale tutto ciò che ha movimento.

Se il tuo sistema nervoso sta dicendo ai muscoli scheletrici di rimanere molto tesi, è perchè percepisce una situazione di pericolo (motivata o meno).

Ti pare il momento ideale per digerire?

No di certo, e allora lui cosa fa: aumenta il tono anche dei muscoli viscerali, in modo da destinare tutte le energie all’affrontare lo stress in corso.

Risultato? Il transito del cibo diventa più faticoso, e questo conduce inevitabilmente a gonfiori e possibile irritazione del colon.

 

Sintomo #5: Disturbi del sonno

Magari puoi pensare di dormire benone, anzi magari sei proprio convinto che il dormire sia “la tua dimensione”. Probabilmente per te è normale ma…non è esattamente per questo che siamo stati programmati.

Se ci pensi, per i nostri antenati, avere un risveglio veloce poteva fare una drastica differenza: in caso di minaccia incombente, l’uomo primitivo non poteva certo permettersi di premere il tasto “snooze” sulla sveglia no?

E’ piuttosto probabile che tu dorma volentieri (ma spesso non è comunque un sonno riposante, dato che probabilmente non ti svegli altrettanto volentieri), per dare “tregua” ad un sistema nervoso troppo attivo.

Ed è anche probabile che di notte questo non si “spenga” a dovere, se vorresti sparare alla sveglia, più che spegnerla.

Altri sintomi che ti dicono che il tuo sonno non è qualitativo: risvegli frequenti (anche per andare in bagno), e mandibola stanca quando ti alzi, indice che hai “bruxato” tutta notte.

 

Sintomo #6: Attacchi di panico e tachicardia

Tachicardia e attacchi di panico rappresentano l’espressione massima dell’ iperattività ortosimpatica.

Spesso hanno una base emotiva, ma non è assolutamente detto: ti spiegavo prima come il sistema ortosimpatico ci aiuti a fronteggiare qualsiasi tipo di stress, reale o percepito.

Può essere che a causa di un piccolo problema, il tuo sistema nervoso si senta “non in grado di affrontare la situazione” e faccia partire un attacco di panico, anche se emozionalmente eri la persona più tranquilla di questo mondo fino ad un attimo prima.

Esempio: mi è capitato un paziente che aveva spesso attacchi di panico in situazioni dove doveva guardare oggetti in movimento veloce, come le macchine che passavano.

Abbiamo scoperto che aveva un problema ai muscoli dell’occhio, e stare dietro al movimento delle auto era un compito eccessivamente difficile.

Questo generava un segnale di allarme nel suo sistema nervoso, che gli faceva partire l’attacco di panico.

Niente rievocazione di traumi infantili o cose del genere: il suo sistema andava in panico perchè non riusciva a gestire la situazione.

 

 

Perchè il tuo sistema nervoso può causarti ansia e stress

 

Motivo #1: Cause genetiche, o acquisite nell’infanzia

Che ti piaccia o meno, il “livello di allarme” che oggi sviluppa il tuo sistema nervoso è fortemente dipendente dall’ansia che hai “respirato nell’aria” fino ai 4-5 anni di età.

E’ noto che i figli di genitori ansiosi hanno fino a 7 volte la possibilità di sviluppare ansia loro stessi.

Non solo: anche se i tuoi genitori non sono stati particolarmente ansiosi, ma la tua infanzia è stata segnata da eventi sgradevoli (come ad esempio non averceli avuti, o averli persi giovani), anche questo può “regolare verso l’alto” i livelli di attenzione del sistema nervoso.

Non dimenticherò mai la storia della signora Maria (nome inventatissimo): Maria, 70 anni, è la persona più ansiosa che abbia mai conosciuto.

Bazzica nella mia palestra da anni, ed è una di quelle persone che appena la tocchi fa un salto alto due metri, da tanto è “nervosa”.

Ovviamente attacchi di panico, vertigini ecc. non li nomino neppure. Un giorno mi è venuta la malaugurata idea di chiederle, quasi per scherzo: “ma insomma Maria, cosa ti hanno fatto da piccola per crescerti così ansiosa?”. Non l’avevo mai fatto, ed anche stavolta era più una battuta che altro.

Beh, Maria si è messa a raccontarmi, con estrema lucidità, che è stata maltrattata praticamente dalla culla, con percosse e tutto il corredo.

Come se non bastasse, prima di lei i suoi due fratelli sono morti praticamente neonati, in circostanze ben più che sospette, ma che negli anni 40 non si sono riuscite a chiarire.

Fantastico, la prossima volta me ne sto zitto eh?

Questo per dire: la cattiva notizia è che la tua ansia o il tuo iper-tono nervoso possono essere “atavici“.

Non puoi stravolgere meccanismi nati così tanto tempo fa, ma la buona notizia è che puoi sicuramente attrezzarti per affrontarli meglio: tra poco ti spiego come.

 

Motivo #2: Sovraccarico

Basta storie tristi, questa è semplice. Anzi, è banale: se ti carichi di troppi impegni, sacrificando i tuoi spazi di “recupero”, corri il serio rischio che il tuo sistema nervoso rimanga iperattivo anche nei pochi momenti di recupero che gli concedi.

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

Non ti aspetti vero che dopo una faticosissima corsa, tu possa andare immediatamente a letto dopo la doccia? No di certo, l’ adrenalina rimane in circolo ancora per un bel po’.

Se abitui il tuo sistema nervoso a giornate in cui vivi costantemente “in attaccoMade In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki“, quella diventerà la sua normalità.

 

Motivo #3: Insoddisfazione

Lo abbiamo visto prima: l’emotività negativa ed il rimugino riducono le capacità anti infiammatorie dell’organismo.

Se non sei soddisfatto della tua vita, se sei convinto che domani sarà peggio di oggi e che ieri era comunque meglio, è assai probabile che tu cominci a soffrire dei sintomi di cui abbiamo parlato proprio a causa di questo meccanismo.

Non sono la persona più adatta a farti cambiare visione della vita, ma ne conosco alcune. Una te la presenterò tra poco.

 

Motivo #4: Cause non emotive

Ricordi l’esempio di prima del signore con il problema agli occhi? Come dicevamo, il tuo sistema nervoso può sviluppare un iper-tono ed uno stato costante di allerta a causa dei motivi più disparati.

Se si sente in una situazione che potrebbe mettere in luce una debolezza, lui automaticamente “alza il tono”.

Non posso elencarle tutte, ma ad esempio c’è una associazione molto forte tra attività del sistema nervoso e massa muscolare: più i muscoli sono forti e tonici, meno probabilità hai di soffrire di sintomi legati al sistema nervoso.

Verosimilmente questo avviene proprio perchè una struttura “solida” è più difficile da mettere in difficoltà.

Per questo, tonificare i muscoli non è soltanto una questione di estetica.

 

Motivo #5: Cause intestinali

Si tratta della prossima grande frontiera della medicina: si è scoperto che la flora batterica intestinale è responsabile della produzione di neurotrasmettitori (le sostanze con cui il sistema nervoso comunica), in particolare della serotonina, sostanza da sempre associata agli stati di benessere.

Ricercatori anche italiani come Paolo Mainardi e Fabio Piccini, seppure divergano su alcuni aspetti, sono concordi (insieme ai colleghi d’oltreoceano) nell’affermare che dalla salute dell’intestino dipenda anche la salute del cervello, in quello che è stato definito il gut-brain-axis.

E quindi cambiare alimentazione può migliorare lo stato del mio sistema nervoso? Assolutamente si, perchè lo stato di salute della flora microbica intestinale dipende per lo più da come ci si alimenta.

Lettura in italiano consigliata: “Alla scoperta del microbioma umano: flora batterica, nutrizione e malattie del progresso“, di Fabio Piccini.

Se sospetti che l’alimentazione possa essere una parte importante del tuo problema, non devi fare altro che compilare il nostro test nutrizionale: lo trovi alla pagina test di autovalutazione, e ti aiuterà a capire quanto la tua alimentazione possa costituire un elemento di stress negativo.

 

Cosa puoi fare per migliorare il tuo sistema nervoso

 

 

Ed eccoci alla parte più divertente: hai capito che il sistema nervoso ti può dare grattacapi, hai capito che sintomi ti può dare ed hai capito perchè…. e mo’ che ce famo?

Skirt Gonne Margiela Farfetch Neri Flared Nero Midi Maison qpGSzVMU

Le strategie che puoi mettere in atto sono di due tipi: strategie per rilassare il sistema nervoso, e strategie per potenziarlo.

Potenziarlo? Ma non è già troppo attivo?

No, è troppo attivo nei momenti sbagliati. La strategia che ti propongo è originale ma anche un po’ contro-intuitiva.

Istintivamente ci viene da dire: se il sistema nervoso è troppo attivo, devo trovare un modo per disattivarlo/rilassarlo eccetera eccetera…

Vero, ma rifletti su un esempio: se stessi per affrontare un esame importantissimo , ma fossi preparato su un solo argomento, come sarebbe il tuo sistema nervoso?

Alle stelle, pregando che ti chiedano l’unico argomento che sai.

Come ti sentiresti se fossi in America e dovessi affrontare l’importantissimo esame “Italiano livello 1”?

Beh, sentendo parlare alcune persone, forse ci sarebbe qualcuno che si preoccupa lo stesso, ma credo di aver reso l’idea.

Più il tuo sistema nervoso è organizzato per affrontare situazioni, meno hai probabilità che queste rappresentino uno stress.

Per questo le strategie che ti propongo non sono solo di relax, ma anche di potenziamento.

 

Strategie per “abbassare il tono” del sistema nervoso

Strategia #1 Respirazione

La respirazione è un modo semplice, conosciutissimo e facilissimo da praticare, con enormi potenzialità di ridurre i sintomi associati alla elevata attività del sistema nervoso.

Esistono tantissimi metodi che si basano sulla respirazione: personalmente ritengo utile anche soltanto imparare a respirare nella maniera corretta.

A tal proposito, puoi dare un’occhiata a questo video:

 

Strategia #2: Meditazione e tecniche di rilassamento in generale

Non sono un grande esperto, ma in molti casi funzionano bene. La forma di meditazione con più letteratura scientifica alla base è la mindfulness, ed anche il training autogeno ha una buona letteratura di supporto.

 

Strategia #3: Integrazione di Magnesio Supremo

Non sono per nulla un fan degli integratori, ai quali spesso si dà una eccessiva importanza.

Tuttavia, pochi e ben selezionati possono dare sicuramente una mano: tra questi senza dubbio c’è il Magnesio Supremo.

Il magnesio ha proprietà di rilassare i muscoli e di favorire il tratto digerente: per molte persone con problemi tensivi, rappresenta una vera e propria salvezza.

È anche un integratore piuttosto economico rispetto ad altri molto meno efficaci che si trovano in giro, quindi vale la pena fare un tentativo.

Questo della Natural Point è decisamente quello con il miglior rapporto qualità-prezzo.

Strategia #4: Ri-organizzati!!

Ti avevo detto di non essere la persona più adatta per aiutarti a capire come cambiare verso alla tua vita, ma ti ho spiegato come l’emotività, ed in particolare l’emotività negativa, possano crearti vari sintomi e perchè.

Ti avevo anche detto che conoscevo un tizio molto più esperto di me sugli argomenti che riguardano la motivazione, la crescita personale e tutto ciò che ci sta intorno.

Come molte persone che portano avanti un attività, sono sempre stato appassionato di crescita personale, per superare momenti di difficoltà o per essere in grado di gestire meglio alcune situazioni.

Diverso tempo fa ho scoperto lo storico blog Efficacemente di Andrea Giuliodori (si, è lui il tizio di cui ti parlavo).

Sul blog Efficacemente, Andrea ha fatto (e sta facendo) un eccezionale lavoro editoriale, postando ogni settimana articoli fortemente ispiratori, con le migliori tecniche per crescere professionalmente ed umanamente.

Personalmente, la prima volta che ci sono capitato, sono stato “risucchiato” e costretto a leggere una decina di articoli.

Tuttora sono un accanito fan, e devo dire che questo mi ha aiutato molto.

Non insisterò mai su quanti benefici possa dare il lavoro su sè stessi: se sei convinto che domani sarai una persona migliore rispetto ad oggi, ti posso assicurare che il tuo nervo vago aumenterà drasticamente le sue capacità anti infiammatorie.

Ti ho preparato una lista degli articoli o delle categorie di Efficacemente che mi sono piaciuti di più.

 

Articoli sulla crescita personale

I 5 principi chiave della crescita personale

Articoli sulla felicità

Come affrontare i problemi della vita: il paradosso del lampione

Articoli sull’autostimaGlitter Jimmy PumpsNeiman Marcus 100mm Love Choo BQoedEWrCx

 

 

Strategie per “potenziare” il sistema nervoso

 

Strategia-bis #1: Lavora sugli occhi

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

L’esempio del signore con il problema ai muscoli dell’occhio non era un caso: la vista è un sistema assolutamente prioritario per il nostro organismo, e qualsiasi difficoltà a riguardo viene percepita come un allarme.

Il tuo oculista può averti detto che ci vedi benissimo, e questo può essere sicuramente vero.

Questo però non significa che, per varie cause, i muscoli che muovono fisicamente i tuoi occhi, non possano essere “poco performanti”.

Fare esercizi per i muscoli dell’occhio è estremamente vantaggioso nel nostro tentativo di “potenziare il sistema nervoso”: provaci, ne sarai soddisfatto.

Come? Ho scritto un articolo su come affrontare occhi stanchi, cefalea e sbandamenti usando la ginnastica oculare.

Leggilo subito, e fai gli esercizi indicati!

 

Strategia-bis #2: Migliora la tua cervicale

Abbiamo visto come un eccesso di attività del sistema nervoso possa mettere in difficoltà i muscoli del collo, irrigidendoli cronicamente.

Ad un certo punto la situazione si può auto-mantenere, ed i tuoi muscoli rimanere rigidi anche se non ce n’è alcun motivo.

Questo ti causerà dolore, quindi ulteriore stress, ed il cane comincerà a mordersi la coda.

Migliorare la propria cervicale è un’altra arma potente per potenziare le capacità del sistema nervoso.

Chiedere a me se si può migliorare il proprio tratto cervicale è un po’ come chiedere all’oste se il vino è buono: parti da questo articolo e se vuoi buttati sulla guida CERVICALE STOP!

L’ho fatta io, è garantita! Scoprila cliccando sull’immagine qui sotto, potrai anche accedere alla DEMO GRATUITA!

Cervicale STOP! ti permetterà, tramite appositi TEST, di capire quali dei tanti sintomi di eccessivo stress tu abbia, e ti consiglierà delle tecniche adatte al tuo caso.

 

 

Strategia-bis #3: Migliora la postura

Lo stesso discorso fatto prima sui muscoli cervicali vale per tutti i muscoli posturali: più il tuo sistema nervoso tiene alta la tensione, più di sentirai rigido e la tua postura peggiorerà, assumendo il tipico atteggiamento di “spalle in avanti”.

Sarà vero anche il contrario, cioè che migliorare la tua postura può aiutarti a gestire meglio il sistema nervoso?

Si, c’è stato un recente studio pubblicato sul Journal of Heath Psychology, come recita questo articolo sul Daily Mail.

Per migliorare la postura ci sono tonnellate di tecniche: in questo articolo ti dò 4 consigli e 5 esercizi efficacissimi.

Come dicevamo prima, anche migliorare la massa muscolare con esercizi in palestra può essere estremamente utile nel “consolidare la tua struttura”.

Leggi l’articolo Come tonificare il corpo in maniera scientifica, contiene tutte le informazioni di cui hai bisogno.

 

Strategia-bis #4: Fai attività aerobica

La forte attività del sistema nervoso conduce spesso a iperventilazione, cioè respiro corto e superficiale.

Come gli aspetti che abbiamo visto prima, anche questo può successivamente diventare un problema a sè stante: ad un certo punto potresti ritrovarti con il fiato talmente corto da far fatica a fare due rampe di scale.

L’attività aerobica come la corsa, la bici oppure il nuoto possono aiutarti tanto: se fatte in maniera dolce, conducono ad una diminuzione degli ormoni dello stress (cortisolo ed adrenalina) e ad un aumento delle sostanze anti infiammatorie legate al benessere (serotonina ed endorfine).Lyst Opulence Save Paula Cademartori Black Blossom In b7f6Yvgy

Non hai idea di dove cominciare? Guarda questo articolo sul come arrivare alla corsa, per avere un punto di partenza.

 

Strategia-bis #5: Migliora la tua alimentazione

Poco fa ti ho illustrato il collegamento tra flora microbica intestinale-produzione di neurotrasmettitori-attività del sistema nervoso.

Ti spiegavo anche come la salute della flora microbica dipenda in buona parte da come mangi: facendo un rapido collegamento, il tuo stile alimentare influenza direttamente il tuo stato emotivo e le “performance” del tuo sistema nervoso.
Una ottima base di partenza bilanciata è il nostro schema di alimentazione circadiana ed anti infiammatoria.

Se vuoi approfondire l’argomento flora microbica e alimentazione ti ri-consiglio il libro “Alla scoperta del microbioma umano: flora batterica, nutrizione e malattie del progresso” di Fabio Piccini.

 

Strategia-bis #6: Migliora la tua idratazione

Alcuni studi ci dicono che anche solo mezzo litro in meno di acqua al giorno, rispetto alle tue esigenze, può condurre ad un aumento di ormoni dello stress, quindi ad una iper attivazione del sistema nervoso.

Caspita! Ma perchè mai?

Semplice: se non bevessi nulla, moriresti in meno di una settimana. Appena il tuo corpo percepisce una piccola “scarsità idrica” si organizza immediatamente, alzando gli ormoni dello stress ed iniziando la ritenzione di liquidi: un pessimo affare.

Un altro motivo per aumentare la tua idratazione? Gli elastici muscoli di un bambino sono composti all’80% di acqua, nei rigidi muscoli di un anziano questa percentuale scende sotto al 50%.

Più i tuoi muscoli sono elastici ed idratati, meglio resisteranno agli “attacchi” del sistema nervoso.

Cerca di bere quanto basta per avere tutte le urine della giornata limpide: all’inizio ti sembrerà di essere sempre in bagno, ma già dopo 2-3 settimane i muscoli impareranno a trattenere più acqua, sopratutto se li stai stimolando con l’attività fisica.

Sembra incredibile come una tecnica così semplice possa avere riscontri fantastici sullo stato del sistema nervoso.

 

Conclusione

Abbiamo sentito parlare tantissimo di stress, e chiunque abbia fatto un giro dal proprio medico con qualcosa di diverso rispetto ad un calcolo renale, si è sentito dire “è colpa dello stress!“.

Oramai abbiamo abusato talmente tanto del termine che non vogliamo più sentirne parlare, anche se, come hai visto, parlare di stress del sistema nervoso può anche voler dire parlare di problemi intestinali, o di problemi ai muscoli dell’occhio.

Il sistema nervoso è in assoluto il “re” dei sistemi: “convincerlo” che tutto sta andando per il meglio significa un ottimo stato di forma e di salute, anche in presenza di problemi certificati (ad esempio grandi artrosi, ernie al disco…)

Mi auguro che questo articolo abbia potuto ampliare la tua visione di questo affascinantissimo sistema: peraltro, le interazioni che ho descritto non sono ne più nè meno che un assaggio della complessità del tutto.

Per qualsiasi chiarimento: commenti, contatti, pagina facebook.

Alla prossima!

: cervicale, mal di testa, marcello, stress, tensione nervosa, vertigini
Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki
Articolo precedente Esercizi per la cervicale usando uno sgabello Articolo successivo Sintomi molto diversi come dolore cervicale e disturbi digestivi possono essere collegati: scopri il perchè e come auto-valutarti

Post correlati

Mal di testa lato destro o sinistro: quando la causa è cervicale

Marcello Chiapponi

Dolore al braccio e alla spalla: ecco cosa lo causa e come risolverlo

Marcello Chiapponi

115 Commenti. Nuovo commento

Cotella Liliana
21 febbraio 2016 08:14

Articolo molto interessante. Io sono stata operata di ernia cervicale C5 C6 ma ho sempre male al collo .!!!!

Rispondi
Marcello Chiapponi
21 febbraio 2016 15:15

purtroppo a volte succede. c’è da dire che spesso mantenere la situazione pre-operatoria è più rischioso che operare.

Rispondi

Siete grandi.
Mi sento come se fossi alla base di una scalata, ma con questo articolo mi avete detto :
” Puoi raggiungere la vetta , perchè ne hai la possibilità!”
Grazie.

Rispondi
Marcello Chiapponi
1 giugno 2016 08:55

Paola, che bel complimento, grazie mille! Fammi sapere se, durante la tua scalata, hai bisogno di qualcosa!

Rispondi
silvia
18 luglio 2016 22:28

grazie, un articolo chiaro e semplice, allo stesso tempo professionale. vedere le cose sotto un altro punto di vista rispetto a quello meramente emotivo e psicopatologico può essere utile. Stanotte per la prima volta ho avuto vertigini durante il sonno e avevo addebitato il tutto al cuscino inadatto per il collo. mi sono ritrovata in tutto ciò che è descritto. grazie.

Rispondi
Marcello Chiapponi
19 luglio 2016 07:33

Grazie per il feedback Silvia!

Rispondi

Sto soffrendo di ansia e tensione muscolare non so come uscirne allatto e o 4 figli vorrei un consiglio un aiuto.

Rispondi
Marcello Chiapponi
1 agosto 2016 05:19

ciao, purtroppo non ci sono consigli “generici” che si possano dare su casi di questo tipo. leggi l’articolo, prova a fare quanto consigliato e vedi che risposta hai, purtroppo è l’unica soluzione

Rispondi
Romy
20 agosto 2016 09:24

Ciao, è molto interessante quello che scrivi. Sto facendo un percorso di crescita personale e sono arrivata alla conclusione che devo “imparare” a respirare e fare movimento fisico adeguato per abbassare il mio livello di ansia e stress. Quante resistenze trovo però! inoltre conosco il sito Efficacemente di Andrea e sono d’accordo con te: è fantastico!

Rispondi
Marcello Chiapponi
21 agosto 2016 05:19

Grazie del feedback Romy!

Rispondi
Enrico Presotto
28 agosto 2016 15:07

Da dieci giorni sono preoccupato un problema intestinale ho pensato tanto e poi ti vengono in mente le cose più brutte. .in passato mesi passati molto pesante stress mamna caduta rotta il femore quasi tre mesi in ospedale. ..poi ad aprile ricaduta Micro frattura è stata a riposo un mese ora io questo problema e tanti pensieri brutti. .esami del sangue a posto. .fatto visita gastroenterologo mi ha dato cura e possibile Infiammazione ecoliciste. …ora da tre giorni ho dolori cervicale e tutta la schiena può essere dovuto a stress pesante. .brutti pensieri. ..grazie mille

Rispondi
Marcello Chiapponi
29 agosto 2016 05:16

Ciao Enrico. Se c’è una cosa di cui puoi stare sicuro, è che il rimugino costante su pensieri negativi abbia effetti devastanti sul tuo stato di benessere. Quindi la risposta alla domanda è “decisamente si”, la soluzione non è facile da trovare ma già essere a conoscenza del problema è un passo avanti.

Spalla Pelle Scuro 24 Borsa Blu Parisienne Lancaster Bovina A 571 BexrdoCW
Rispondi
Massimo
18 novembre 2016 16:33

Salve, mia moglie una mattina appena svegliata ha accusato forti vertigini e vomito, dopo aver fatto pronto soccorso ci è stato consigliato di fare rx colonna cervicale, la lastra evidenzia ” Marcata riduzione della fisiologica lordosi” è possibile che questo le abbia causato quei sintomi?
Grazie in anticipo della sua risposta.

Rispondi
Marcello Chiapponi
19 novembre 2016 09:33

Buongiorno Massimo,

direi proprio di no. Molto più probabile che in quel momento avesse la colonna vertebrale in atteggiamento “antalgico”. In sintesi: la riduzione della lordosi è una conseguenza del dolore, non una causa.

saluti

Rispondi
Daniela
23 marzo 2017 20:31

Salve anche a me mi hanno riscontrato una perdita lella fisiolofgica lordosi cervicale posso guarire?

Rispondi
Di Secco Donna Lorenzo Philosophy A MidiLavaggio SerafiniAbito qSVMpUzG
Marcello Chiapponi
24 marzo 2017 09:03

Daniela, su quel tipo di “problema” (che non è neppure il caso di definire tale) c’è un articolo apposta, consultalo pure!

Rispondi
leda maggini
13 dicembre 2016 00:38

Che la respirazione e’ una parte essenziale della salute l’ho avuto chiaro con le sedute. dal chinesiologo.

Rispondi
Paola
19 dicembre 2016 17:59

Mi riconosco molto nelle tue parole e sono convinta che quello che dici è la strada giusta per me è cerco più volte di mettermi al lavoro ma spesso il mio nervo vago si perde insomma vaga un po’ troppo, nel senso che quando accumuli stress da molti anni è difficile intraprendere il percorso inverso anche se senti che è quello giusto

Rispondi
Marcello Chiapponi
20 dicembre 2016 06:11

Sono assolutamente d’accordo: quando si è entrati in una spirale negativa è difficile uscirne.

Tuttavia ricordati questa citazione: “se si continua a fare quello che si è sempre fatto, si continuerà ad essere quello che si è sempre stati”.

Buon lavoro!

Rispondi
Monica
9 gennaio 2017 20:59

Marcello Buonasera ! Ho letto questo articolo e sembrava parlassi di me Abbiamo appuntamento la settimana prossima e ormai non vedo l ora! Sono certa che mi aiuterete a trovare la strada giusta per rimettere in riga in mio “vago” Grazie sin da ora!
Monica

Rispondi

Ciao Monica, e grazie dei complimenti! ci vediamo venerdi!

Rispondi
Pierluigi
14 gennaio 2017 13:00

Ottimo!!! Forse ho trovato la causa di un malessere che dura da più di 3 mesi. Guido per lavoro e accumulo stress in quantità. I muscoli del collo e i trapezi sono sempre doloranti. Grazie!!

Rispondi
Marcello Chiapponi
16 gennaio 2017 05:25

Benissimo Pierluigi! Fammi sapere!

Rispondi
Anna
18 gennaio 2017 20:48

Buonasera sign. Marcello ho letto il suo articolo è vorrei dei consigli..io soffro di cervicale e credo associata avendo un pò il labirinto sensibile un pò di labirinti, però sono sicura che è cervicale, e da sabato sera che mi è venuta una serie di vertigini associati ad altri sintomi che ho letto nel suo articolo adesso le vertigini forti sono passati ma mi è rimasto pesantezza alla testa dolore al collo stanchezza alle braccia e gambe debolezza e soprattutto molta tensione…volevo un consiglio cosa devo fare….aspetto una sua risposta

Rispondi
Marcello Chiapponi
19 gennaio 2017 09:04Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

Buongiorno Anna. Come spesso ripeto, dire “è cervicale” non ha molto senso. Se ritiene che il suo problema siano i muscoli del collo troppo contratti, occorre prima di tutto capire perchè lo siano. Se la causa di questa eccessiva contrattura è da ricercarsi nello stato di ansia, è sufficiente che segua i consigli che trova nell’articolo.

Rispondi
daniele
20 gennaio 2017 17:50

Buonasera Marcello io e da Marzo 2016 che sento dolori al petto e al braccio sinistro fatto 5 vidite cardiologhe nulla di preoccupante tutto nella norma inoltre fatto rx cervicale perfetta e tutto mi sveglio di notte con questa oppressione al petto dopo sogni strani con incubi può essere tutto dipeso dall ansia …. il mio corpo puo essere sempre sotto tensione dall ansia .,. SECONDO LEI MI CONSIGLIA DELLE SEDUTE DI AGOPUNTURA PER RISPRISTINARE IL MIO CORPO …. ATTENDO SUE NOTIZIE DOTTORE ….

Rispondi
Marcello Chiapponi
21 gennaio 2017 06:50

Buongiorno Daniele. Certamente i sintomi che racconti fanno pensare ad un problema di ansia, probabilmente anche un po’ sopra la media. Dare consigli per una situazione così esce un po’ troppo dalle mie competenze, quindi eviterei di sbilanciarmi.

Rispondi
Domenico
19 maggio 2017 14:03

Provo anche io le stesse sensazioni

Rispondi
Shirts LadiesT Paul Mts1002010 Smith Ps paul sQxhdCBtro
Pietro
7 agosto 2017 18:49

Dottore buonasera mi scusi la nevralgia di arnold si toglie?

Rispondi
Marcello Chiapponi
8 agosto 2017 06:01

Buonasera Daniele,

rispondo volentieri ma l’argomento non è in tema con l’articolo. Ci sono diverse tecniche, sia farmacologiche che riabilitative, per la nevralgia di Arnold. Come ogni cosa, qualcuno la risolve e qualcuno no.

Rispondi
Chiara
28 gennaio 2017 18:20

Buona sera un mese fa’ a causa di malessere e linfonodi infiammati il dottore dagli esami mi ha constatato che avevo contratto il citomegalovirus…dalla ora ho avuto tracheite con tosse poi ancora mal di gola con tosse …e una settimana fa dopo aver sudato x una camminata ancora sto poco bene …ora sto prendendo deltacorte ma sono molto tesa sempre rigida e mi sembra sempre di avere problemi respiratori e Ci penso sempre …

Rispondi
Marcello Chiapponi
29 gennaio 2017 07:22

Ciao Chiara. Non parliamo del mio ambito di interesse, ma se hai in corso un’infezione virale, mi sento di dirti che siano sintomi del tutto normali…

Rispondi
Erika
5 febbraio 2017 16:51

Salve
Articolo interessantissimo
Sono anni che soffro di cervicale e lombosciatalgia ho praticato sport sentendomi molto meglio poi per svariati impegni ho dovuto interrompere.
Dopo un anno e più mi ritrovo con gli stessi sintomi un incubo..
A tutto si è aggiunto un forte stress con conseguente tachicardia che mi fa spesso compagnia.
Ho fatto esami al cuore tutti negativi
Riconosco che ogni volta la risposta ai miei muscoli bloccati è paura conseguenza il battito vola..
Il suo articolo mi da quel nuovo stimolo di cui ho bisogno.
Sono vicino a tutti quelli che capiscono i nostri problemi.

Whitewhite Dante Addict Calf Ash Soft Montana Off Nappa DHY9eEIW2
Rispondi
Marcello Chiapponi
6 febbraio 2017 06:59

Ciao Erika, grazie dei complimenti e avanti tutta!

Rispondi
Lio
12 febbraio 2017 20:53

Complimenti. Ottimo articolo. Mi sono ritrovato completamente. Non so se riuscirò ad attuare i consigli sulla respirazione, sull’attività aerobica e sull’alimentazione. Sono avvocati, lavoro 14 ore al giorno sempre con una terribile ansia di sbagliare… una vitaccia mi creda. Collo rigido, mascella tesa e mal di testa molto molto frequenti (che curo con aulin). Negli ultimi mesi mi sono capitati attacchi di panico e tremolio (come se avessi freddo). Proverò a seguire i suoi consigli ed il video “cervicale stop”. Grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
13 febbraio 2017 13:44

Grazie Lio, certo che lavorare 14 ore al giorno non aiuta!

Rispondi
alessandro
3 marzo 2017 17:10

E possibile che oltre il collo la tensione mi crei dolori alle gambe e debolezza

Rispondi

Alessandro, certo che si. Parlando di casi estremi, un mio amico è recentemente finito in ospedale a causa di una improvvisa fatica addirittura a fare le scale. Alla fine di tutto, si trattava di un vero e proprio “esaurimento nervoso” ed i sintomi sono migliorati spontaneamente..

Rispondi
alessandro
4 marzo 2017 17:55

Quello che sta succedendo a me, le analisi buone, visita neurologica buona, la settimana prossima a to un day hospital dove mi verrà fatta anche la elettromiografia, ho dolori a tutte le giunture ai muscoli delle gambe e delle spalle, una vera tragedia

Rispondi
Raffaelina Miele
5 marzo 2017 13:11

È da da diverso tempo che soffro di una sorta di malessere che non so spiegare.Sto male mi sento morire senza avere un dolore.Terribile!In passato ho fatto analisi e si è evidenziato omocisteina a 30 emoglobina bassa test ves positivo.Da premettere che ogni tanto faccio visite centro ematologico.Mi parlano di ansia poi stress.Sono stato da psicologo

Rispondi
Marcello Chiapponi
6 marzo 2017 07:49

In tutta sincerità, credo proprio che questi sintomi oltrepassino nettamente quelle che sono le situazioni di cui parlo nell’articolo, al di là delle alterazioni degli esami ematici. In bocca al lupo, le auguro di trovare una soluzione!

Rispondi
Ckxcuri466 Scarpe Moda Stivali Rossignol 'chamonix' 8nOkw0PX
Bruno
17 marzo 2017 17:55

Trovo questo articolo molto interessante e credo che ansia e stress siano effettivamente alla base dei miei problemi fisici. Soffro da diverso tempo di alcuni dolori, tra cui mal di testa frontale e dolore ad entrambe le orecchie, localizzato principalmente nel condotto uditivo esterno, ma talvolta anche ai padiglioni auricolari. In passato ho sofferto di dolore cervicale e ho problemi alla tiroide e reflusso gastroesofageo. Ho visto diversi specialisti, di cui l’ultimo un dentista che ha rilevato un problema alla mia mandibola con condili consumati.

Rispondi
Lucia
31 marzo 2017 16:15

Ciao Marcello, sono mamma da tre anni di due bimbe di età molto vicina…. solo da un mese sono riuscita ad avere qualche ora di libertà avendole portare all’asilo entrambe. Da circa tre mesi soffro di dolori generalizzato agli arti superiori con maggior focalizza zio e alle spalle e collo, come se avessi una tendinite generale. Ho fatto due sedute dall’osteopata che mi ha detto che nn riesco per nulla a rilassarmi… pensi sia una questione di stress? Cosa posso fare?

Rispondi
Marcello Chiapponi
1 aprile 2017 06:48

Buongiorno Lucia. Ovviamente è impossibile capire da dove venga questo disturbo con pochi dati a disposizione. L’idea migliore che ti posso dare è quella di prenderti un po’ di tempo per leggere bene questo articolo ma sopratutto per metterne in pratica i consigli

Rispondi
Chantal Steffenini
3 aprile 2017 09:26

Tutto molto interessante,
Forse ho capito l’origine di parte dei miei disturbi
Per un appuntamento a Piacenza come fare?

Rispondi
Marcello Chiapponi
4 aprile 2017 11:36

Buongiorno Chantal, ti ho risposto sulla mia pagina Facebook

Rispondi
Francesco
4 aprile 2017 18:45

Complimenti per questo articolo interessante. Sono 3 anni che soffro per dolori diffusi a causa di un tumorino alla prostata da monitorare (dopo biopsia) che mi ha destabiizzato emotivamente a tal punto da avere una serie di problemi dai quali non riesco ad uscirene fuori(spesi migliaia di euro senza avere avuto nessun tipo di beneficio se non momentaneo per poi ritornare al punto di partenza.
Sto cambiando alimentazione (eliminando lievito,glutine,latte e derivati.
Comunque ti volevo ringraziare perchè dopo aver letto tutto sembra quasi che hai descritto la mia giornata.
Francesco

Rispondi
Marcello Chiapponi
5 aprile 2017 06:56

Grazie a te Francesco, in bocca al lupo per tutto!

Rispondi
Laura
4 aprile 2017 21:29

Salve ho 29 anni e mi hanno trovato una riduzione della lordosì cervicale con 2 piccole protusioNi.
Circonferenziali ad ampio raggio dell’anulus che si appoggia sul margine anteriore del sacco durale ..sono sempre molto tesa soprattutto i muscoli del collo…ho già fatto 2 tac encefalo…l ultima a settembre 2016 tutte e 2 negative ma succede spesso di avere forti vertigini e bruciori sopra la testa tanto da dovermi sdraiare possono essere riconducibili a ciò che mi hanno trovato?

Rispondi
Marcello Chiapponi
5 aprile 2017 06:55

Ciao Laura. Direi che più facilmente il percorso è contrario: il tuo stato di forte tensione muscolare ha ridotto la lordosi e creato le piccole protrusioni, che assolutamente non sono significative.

Rispondi
Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki
Giovanni
5 aprile 2017 16:14

Bellissimo articolo … io sono andato più volte a fare dei controlli perché da 1 anno non mi riconosco più, ho sempre dolori vari e in più debolezza e giramenti di testa . Sono stati due vite in ospedale per pressione alta ma tutti i medici mi dicono che sono ansioso e stressato. Prima del primo episodio in cui sono stato poco bene conducevo una vita pazzesca … sempre a lavoro sempre con amico sempre con moglie sempre allo stadio sempre fuori casa a fare casino poi da un giorno all’altro come se la vita mi fosse cambiata.

Rispondi
Giovanni
6 aprile 2017 22:35

Dottore mi aspettavo un sua risposta

Rispondi
Marcello Chiapponi
7 aprile 2017 06:50

Chiedo scusa Giovanni, la gestione dei commenti è un po’ complessa…non trovo più la sua questione..

Rispondi
Terra
6 aprile 2017 21:43

Buonasera Marcello,sono incappata nella tua pagina dopo l’ennesimo giro disperato su Internet in cerca di una risposta ai problemi che mi affliggono da mesi e devo dire che i tuoi consigli hanno attirato la mia attenzione e subito attirato la mia attenzione. Ho 35 anni e purtroppo ho avuto un’infanzia molto problematica,dai 16 anni in su ho sempre sofferto d’ansia e di attacchi di panico. Da novembre circa mi si è scatenata una cervicalgia pazzesca con frequenti giramenti di testa e senso di estraneità.
Dopo 4 anni di disperata ricerca ho finalmente trovato un lavoro ‘stabile’ ma questo malessere mi sta rendendo tutto difficile.oltretutto il lavoro è abbastanza di fatica fisica poichè include alzare pesi e stare molte ore in piedi. Non ho mai avuto problemi nel fare lavori faticosi e sono sempre stata volenterosa e dedita al sacrificio.
Sono consapevole del fatto che tutta la mia tensione derivi dalla mia psiche ormai malata da anni ma voglio guarire e stare bene.Desidero questo adesso più di ogni altra cosa.
Il lavoro è al primo posto e non posso farne a meno.spero che seguendo gli esercizi che illustri io possa migliorare.
Grazie

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki
Rispondi
Marcello Chiapponi
7 aprile 2017 10:05

Ciao Terra, grazie per l’apprezzamento verso il mio lavoro. Non ho altro da dirti che un robusto, enorme BUON LAVORO! Fammi sapere come va, mi raccomando!

Rispondi
Giovanni
7 aprile 2017 13:56

Dottore allora provo a riassumere ciò che già le avevo scritto … da un anno a questa parte non mi sento più me stesso . Tutto è iniziato qua do una sera mi giró la testa . Tornato a casa avevo la pressione alta a 160 e dopo un giorno sono stato al pronto soccorso ma subito dimesso. Dopo un po altro picco pressioni o stavolta a 210 massima è 110 minima. I vari controlli hanno solo detto un po di colesterolo alto e ferritina alta . Dopo un po dieta quasi rientrati nei Parma entro. Ciò nonostante ho a distanza di ormai 6 mesi ancora problemi. Non ho forza mi f amare schiena e in petto a volte. Mi ve go no fitte alla testa e giramenti di testa.

Rispondi
Marcello Chiapponi
8 aprile 2017 06:06

Giovanni, è praticamente impossibile capire che tipo di problema ci sia. Spesso si rifiuta la generica diagnosi di ansia e stress, ma di fatto se non ci sono patologie organiche, il sistema nervoso è quello più facilmente colpevole. Il perchè abbia questo tipo di manifestazioni, e che “percorso” abbiano fatto, è naturalmente tutto da vedere…

Rispondi
Giovanni
8 aprile 2017 09:21

Ma secondo lei cosa potrebbe essere . Snella avrà ascoltati tanti di casi quindi una minima idea può essersela fatta

Rispondi
Marcello Chiapponi
9 aprile 2017 07:06

Esprimersi in questi casi è veramente difficile. In genere, i casi simili che mi capita di vedere sono effettivamente sindromi ansiose. Problemi di questo tipo rivelatisi poi legati a disturbi della vista mi è capitato una volta in 13 anni di lavoro, quindi lo ritengo almeno improbabile..

Rispondi

Ora ad esempio ho dolore alla testa mi sto preoccupando e mj sento debole . Come se avessi difficoltà a parlare .

Giovanni
11 aprile 2017 23:39

Possibile che i miei disturbi siano dovuti all’ aver perso una grande somma di denaro ?

Marcello Chiapponi
12 aprile 2017 07:04

Giovanni, non me ne voglia, ma credo che i suoi disturbi abbiano poco a che vedere con l’ambito muscolo scheletrico, quindi l’aiuto che posso fornirle, mio malgrado, è molto limitato. Può essere che l’episodio che mi riferisce abbia innestato una sindrome da stress post “traumatico”, con tutte le conseguenze del caso: non sono però un esperto in questo campo.

Giovanni
12 aprile 2017 14:18

Ffotyore come si esce da questa sindrome di cui lei parla è poi secondo lei può durare poi di 1 anno … ovvero il tempo in cui sto così

Marcello Chiapponi
13 aprile 2017 07:26Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki

se è solo per quello, ci sono sindromi post traumatiche che durano tutta la vita! Sicuramente esistono delle soluzioni ma ripeto, io non sono la persona più adatta perchè non sono minimamente specializzato in questo. Finchè si tratta del generico impatto dello stress sui muscoli è un conto, quando le situazioni sono più particolari devono essere viste da chi è specializzato.

Giovanni
7 aprile 2017 17:18

Bellussimo articolo … io sono andato più volte a fare dei controlli perché da 1 anno non mi riconosco più, ho sempre dolori vari e in più debolezza e giramenti di testa . Sono stati due vite in ospedale per pressione alta ma tutti i medici mi dicono che sono ansioso e stressato. Prima del primo episodio in cui sono stato poco bene conducevo una vita pazzesca … sempre a lavoro sempre con amico sempre con moglie sempre allo stadio sempre fuori casa a fare casino poi da un giorno all’altro come se la vita mi fosse cambiata

Rispondi
Max
13 maggio 2017 23:31

Buonasera,
mi riconosco in tutto, davvero tutto, mi chiedo se anche il valore del sangue CPK puo alterarsi come causa!
Ho questo valore doppio / triplo e a volte anche qualcosa di piu’ rispetto alla normalita di una persione media che mi pare essere intorno a 150. Infine è possibile avere aerofagia colon gonfio, acidità alternati e improvvisamente tutto si normalizza o quasi e compaiono dolori su tutta la schiena e collo…. a volte tutti contemporaneamente altre solo centro sx o centro dx o solo collo? tutto questo da mesi!!!
Tutto è iniziato 3 mesi fa con un picco di pressione altissima per un paio di giorni, poi curata non nuovi farmaci ma a seguire tutto quanto detto sopra!

Grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
16 maggio 2017 11:58

Max, con una alterazione 3 volte il normale, siamo ampiamente al di fuori delle mie competenze, quindi perdonami se non me la sento di consigliarti…

Rispondi
Aldo
15 maggio 2017 00:46

Salve
Io da 3 mesi che sto passando dei giorni di stress,ansia,atacchi di panico insomma tutto e di più
Dopo analisi che confermano che sono apposto la mia testa dice che c’è qualcosa che non va..
Questo stress mi fa dormire male..
Da 10 giorni un grande male al collo,torcicollo..male alle gambe..tutte ste cose sicuramente sarò o solo da stres o no???

Rispondi
Marcello Chiapponi
16 maggio 2017 11:56

Buongiorno Aldo,

ahimè, quando il sistema nervoso “perde il controllo” le sintomatologie sono assolutamente quelle…

Nylon Classic Muk7adt10va001 Stark In Mcm Monogram Zaini Zaino A5j4LR
Rispondi
Letterio
19 maggio 2017 11:53

Salve dottore io è da più di una settimana che ho fastidi alla testa sbandamenti confusione fiacchezza sensazione di svenire tutto legato come dice il mio psichiatra a forte tensione muscolare. Cmq io è da una settimana che ho cambiato terapia contro ansia e attacchi di panico.posso gentilmente avere un suo parere grazie mille

Rispondi
Marcello Chiapponi
19 maggio 2017 13:58

Buongiorno. Considerando il caso, mi fiderei di chi la ha già in cura. Peraltro è assolutamente possibile che siano problemi legati alla tensione muscolare.

Rispondi
Letterio
19 maggio 2017 14:03

Grazie dottore. Il mio psichiatra dice che è anche il cambio della terapia che ancora deve fare effetto lei cosa ne pensa ?grazie e scusi il disturbo

Rispondi
Marcello Chiapponi
20 maggio 2017 06:03

non è il mio campo di competenze, posso sicuramente dirle che altri miei pazienti mi hanno raccontato sensazioni simili..

Luca
19 maggio 2017 16:23

Buongiorno Dottore, articolo molto articolato e interessantissimo centra in pieno la situazione in oggetto.
Le voglio riportare il mio caso ho 35 anni anche io con un passato un po travagliato perso mio padre 10 anni fa con un brutto male e madre operata al cuore l’anno scorso(tutto bene ma vari mesi di travaglio) soffro quasi tutti i giorni di fastidi / dolorini vari in particolare al tratto intestinale un giorni a destra l’altro a sinistra altri giorni biuciori di stomaco, fastidi che si alternano ad entrambe le braccia e senso di pesantezza alla cervicale destra…poi magari per 4/5 giorni sto bene e poi ritornano. La cosa strana e mi accompagnano tutta la giornata e quando la sera esco dal mio studio e mi fermo un oretta con gli amici per un aperitivo tra una risata e una birretta…scompare tutto torno a casa verso le nove gioco con i mie bimbi e sto bene poi magari quando mi rilasso sul divano tornano lentamente…e di notte mai avuto nulla !!! pensa che mi ritrovi nel quadro clinico da lei descritto? grazie e buon lavoro

Rispondi
Marcello Chiapponi
20 maggio 2017 06:02

Luca, premesso che non parliamo al 100{c7256c44737acd413f1217cc56543281c565d63c9e196162929f6258a60b9405} del mio campo d’azione, la variabilità dei sintomi a seconda del contesto (familiare, ricreativo o lavorativo) la dice lunga: quando gli ormoni dello stress sono più bassi sta meglio…

T Serre Legend Shirt Farfetch Marine zMpqSUV
Rispondi
marco napoli
28 maggio 2017 10:55

mi chiamo marco ho 51 anni e un po di tempo che di notte mi sveglio con sintomi di tachicardia di giorno nulla ma dura poco i battiti arrivano a 140 poi diminuiscono ho effettuato visita cardiologica elettrocardiogramma e eco tutto negativo avvolte di notte faccio sogni che mi agitano sara tensione soffro di cervicale normale cosa mi consigli di fare grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
30 maggio 2017 06:15

Ciao Marco, credo che nell’articolo ci sia tutto quello che ti serve per lavorare su questi sintomi…

Rispondi
Marc
10 giugno 2017 10:59

Buongiorno e complimenti per l’articolo.

L’ho letto con estremo interesse. Volevo farti una domanda, dopo un periodo di stress continuo e due/3 eventi di super-stress psicofisico, sono stato assalito prima da un attacco di ansia ( mai avuti in vita mia ) dopodiché non riesco più a digerire bene specialmente la mattina. Inoltre, mi sembra di vedere “strano”, quasi come se avessi una dissociazione. Questo dopo un mese dallattacco. Secondo te é sempre stress anche questo? Quanto può durare lo sballo dei due sistemi nervosi da te illustrati?

Grazie mille in anticipo!

Rispondi
Marcello Chiapponi
19 giugno 2017 07:37

Ciao, chiedo scusa per il ritardo, ho visto solo ora il commento. I sintomi che avverti possono ancora essere dovuti al forte stress psico-fisico, eccome. Purtroppo non c’è modo di sapere quanto dureranno, non hanno una “data di scadenza”. COmincia a lavorarci su con i consigli che trovi nell’articolo…

Rispondi
Paolo
11 giugno 2017 21:08

Ciao marcello.. Sono interessato a incontrarti a causa di una cefalea definita dal neurologo tensiva ma quando ho cominciato a raccontargli che dall età di 5 anni soffro di attacchi di panico ( molto rari in realta ora li ho avuti fino a 12 13 anni ) e che le cefalee sono cominciate con un evento traumatico( morte genitore) a 18 anni ho avuto come l impressione che non mi prendesse sul serio. Nell ultimo mese le cefalee erano costanti( tutti i giorni e molto molto dolore quasi ai livelli di un ascesso del dente) e mi ha dato come farmaco il laroxil. Lo prendo da un paio di settimane e la cefalea è sicuramente molto migliorata. Purtroppo però nel momento in cui mi succede qualcosa che mi può spaventare la cefalea si ripresenta.. Vorrei consultarmi lei per avere un parere più approfondito. Distinti saluti

Rispondi
Marcello Chiapponi
13 giugno 2017 09:52

Ciao Paolo, volentieri sono a disposizione. vai alla pagina “contatti” e scrivimi da li, oppure chiamami!

Rispondi
Elisa
2 luglio 2017 07:18

Arrivo qui dopo una notte – l’ennesima- insonne… bon. Ho TUTTO. Il mio sistema nervoso credo abbia persino problemi al suo sistema nervoso… quello che è certo è che se continuo così schianto. Bellissimo articolo, simpatico e mette il buonumore! Grazie davvero.. sono un caso clinico ormai e dovrei proprio dirmi che domani potrei essere migliore… un abbraccio

Rispondi
ANSELMO
20 luglio 2017 11:34

BUONGIORNO, MARCELLO ORMAI SONO QUASI 6 ANNI X LA PRECISIONE DAL 2011CHE GIOCANDO CON MIA FIGLIA SUL LETTO ALL’IMPROVVISO MI SI E’ GIRATO LA TESTA, DOPO VARI DOTTORI FISIOTERAPISTI ECC. SONO ANDATO DALL’OTORINO CHE MI HA RISCONTRATO I SASSOLINI NELLE ORECCHIE SPOSTATE, DOPO LA MANOVRA I GIRAMENTI DI TESTA SONO PASSATI MA MI E’ RIMASTO UN FASTIDIOSO SBANDAMENTO.SONO ANDATO A FARE UNA RX AL COLLO PERCHE’ I MEDICI DICONO CHE E’ LA CERVICALE E MI HANNO RISCONTRATO UNA SPONDILOSI, HO PRESOVARI MEDICINEDEL CASO PERO’ GLI SBANDAMENTI SONO RIMASTI NON SEMPRE PERO’, AD UN CERTO PUNTO SON DOVUTO ANDARE DAL DOTTORE E SPIEGARE CHE QUANDO AVVERTO QUESTO SINTOMO MI PRENDE L’ANSIA E AD UN CERTO PUNTO ATTACCHI DI PANICO. ATTUALMENTE PRENDO XANAX DA 0,25 E IL CIPRALEX. POSSO USCIRNE DA QUESTA MALEDETTA SITUAZIONE PERCHE’ NON SO PIU’ COSA FARE. GRAZIE!!!!!!!

Rispondi
Marcello Chiapponi
22 luglio 2017 12:37

Buongiorno Anselmo. Purtroppo casi come questo non sono sempre facili da analizzare e curare.
L’articolo che ha letto è molto ricco di indicazioni, quindi partirei sicuramente da quelle…darle ulteriori consigli (che non siano già scritti) mi risulta difficile anche pensandoci..

Rispondi
Rosa
21 luglio 2017 20:56

Che dire se non
Articolo meraviglioso con tantissimo da leggere e mettere in pratica riesce a farti star bene già leggendo…ps.ho appena chiamato per un appuntamento
GRAZIE

Rispondi
Vincenzo
1 agosto 2017 01:48

Buonasera Marcello, mi sono imbattuto nel sito dopo ormai anni di ricerche.
Vorrei chiederti gentilmente un parere relativo alla fibromialgia: non si tratta di me, ma della mia fidanzata, che ne soffre ufficialmente dall’autunno del 2014.
Da quel momento ad oggi abbiamo provato praticamente qualsiasi cosa, senza però riuscire a migliorare la situazione, anzi. Sta seguendo la terapia del dolore con la cannabis (qualità Bediol), che assume in infusione o in olio.
Se è vero che ci sono dei periodi leggermente migliori , in cui riesce a gestire gli impegni quotidiani anche se con qualche difficoltà, quelli in cui i sintomi sono più acuti si sono prolungati, costringendola a riposo forzato e sopportazione del dolore per giorni, che possono diventare mesi di calvario.
Mi rendo conto di aver scritto tante cose senza aver detto praticamente nulla, ma ho letto il tuo articolo e vorrei capire insieme a te se hai esperienza con dei pazienti affetti da questa maledetta bestia, e se i consigli che hai elencato possono trovare applicazione anche per questa patologia.
Vorrei solo vederla di nuovo felice, non chiedo altro..
Grazie mille,

Vincenzo

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki
Rispondi
Marcello Chiapponi
1 agosto 2017 07:09

Buongiorno Vincenzo,

se hai notato, evito sempre accuratamente l’utilizzo della parola “fibromialgia”.

Motivo: è una sindrome complessa, una diagnosi non ancora del tutto definita, e sopratutto tutte le cure riabilitative sono molto meno efficaci rispetto alle farmacologiche.

Mi spiace per la vostra situazione, ma non sono sicuramente la persona più adatta. Detto questo, gli interventi che leggi nell’articolo sono molto generici quindi possono andare bene comunque.

Rispondi
Mattia
1 agosto 2017 18:13

Buonasera Marcello io già da qualche anno ho difficoltà nello scrivere a penna non so di preciso da cosa sia causato da premettere che sono una persona molto ansiosa e svolgendo un lavoro d’ ufficio lo vivo proprio come un vero handicap creandomi ovviamente disagio con le persone che mi trovo di fronte e che stanno li a guardarmi.Il braccio diventa rigido e me le sento in tensione.

Rispondi
Marcello Chiapponi
2 agosto 2017 07:13

Buongiorno Mattia,

perdona la franchezza, ma non ho idea di quale possa essere la problematica alla base di questo strano sintomo.

Scusami ma non saprei proprio come aiutarti.

Rispondi
Gianluca
17 settembre 2017 11:00

Un lavoro editoriale a mio avviso straordinario, con una vastissima serie di articoli gratuiti davvero ben fatti e linkati egregiamente, da far quasi venir voglia di cambiare lavoro e diventare un esperto della riabilitazione come voi ! Soffro da 2 anni di ben 3 ernie cervicali basse, con annesse emicrania e dolori al braccio sinistro… (giusto per non farsi mancare nulla!) quindi come immaginerete ‘mastico’ la materia e tutt’ora vado documentandomi… Il mio caso non è ancora del tutto risolto, ma devo ammettere che il vostro sito mi ha fornito degli ottimi spunti! Ancora complimenti. G.

Rispondi
Marcello Chiapponi
17 settembre 2017 15:38

Grazie mille dei complimenti Gianluca, mi fanno molto piacere

Rispondi
Felicia
29 ottobre 2017 17:29

Ciao ho 24 anni e da quasi due soffro di mal di testa e dolori diffusi… Ho fatto tanti accertamenti e fortunatamente non c’è niente. Solo problemi di malocclusione e protusioni alla c5-c6. Porto il bite faccio terapia per la cervicale ma nonostante tutto continuo ad avere dolori e convivo da quando è iniziato tutto con ansia e paure… Essendo consapevole di non avere nessuna patologia grave,e mi rendo conto che l ansia fa brutti scherzi;vorrei un ulteriore consiglio su cosa fare per combattere questo disagio…. Grazie☺

Rispondi
Marcello Chiapponi
30 ottobre 2017 09:15

Ciao Felicia, la cosa migliore da fare è un percorso di rieducazione progressiva dei muscoli. Nell’articolo trovi la possibilità di scaricare la demo della mia guida cervicale, parti da quella

Rispondi
daniele
10 novembre 2017 20:21

salve dottore ho 19 anni mi sento stanchezza sopratutto alle gambe vertigini confusione disturbi visivi ma a livello di concentrazione non di vista anzi al vista e buona disturbi alla pancia da premetter che sono un ragazzo molto ansioso e ipocondrico soprattutto ossessionato volevo le scrivo xche ho paure di quelle malattie gravi neurologiche credo che abbia capito soprattutto dopo aver visto i sintomi su internet poco fa avevo disturbi respiratori il medico mi ha tranquillizzato dicendomi che non era niente.attendo risposte grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
11 novembre 2017 07:51

Daniele, capisco la tua ricerca di risposte ma….qui non riesco ad individuare la domanda!

Rispondi
Mary
13 novembre 2017 00:38

Ciao sono una ragazza di 27 anni.. soffro di ansia nn riesco mai a respirare bene per via del peso costante al petto e alla schiena che avverto, mi sembra di avere l’asma. Ogni tanto mi fissò sulla respirazione e vado in apnea è veramente brutto. Ho smesso tachicardia stando in piedi e forti dolori articolari sopratutto al collo e schiena a volte anche dalla parte del cuore. Ho fatto visite per il cuore ma non ho nulla. Sto andando dallo psicologo ma sto sempre male, cosa posso fare? Grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
13 novembre 2017 07:06

Ciao Mary. Al di là dei consigli che trovi in questo articolo, nelle mie competenze da fisioterapista davvero non saprei dirti qualcosa di più…

Rispondi
tiziana
17 novembre 2017 14:27

Bravo Marcello, scusa se ti do del tu ma sono una donna ‘grande’ e mi permetto di fare questo con te perchè mi sembri una persona eccezionale, rispondi a tutti e quando I ‘casi’ sono particolari metti in evidenza il fatto che sei un fisioterapista (secondo me anche un fine psicologo). Complimenti

Rispondi
Marcello Chiapponi
20 novembre 2017 10:11

grazie mille tiziana!!

Rispondi
Jessica
2 giugno 2018 17:39

Articolo molto interessante! Ho una situazione brutta a lavoro e in famiglia la salute non va benissimo! Da poco ho avuto attacchi di panico e dormo poco la notte.. possibile che senta un dolore anche dietro la nuca in alto a sinistra oltre che al collo?

Rispondi
Marcello Chiapponi
5 giugno 2018 11:06

Naturalmente è possibile…

Made In T 100Soft New Fendi Casual Italy Polo Tag Shirt POXTZuki
Rispondi
Salome
21 giugno 2018 15:53

E finalmente un bel articolo che non mi provoca ansietà mentre lo leggo al contrario mi da la forza per andare avanti e uscirne più presto possibile di questo disturbo psicologico che sta rovinando la mia esistenza .. Apparso 4 mesi fa con diarrea tachicardia faccia entumecida mancanza di respiro…… Sensazione di morire… Dopo 2 mese Seguito per un nodo in gola dolori cervicale orribili mal di testa e ultimamente sento delle scose persino in gola al braccio sinistro alle gambe alla pancia il petto destro sempre stretto come se mi fa pressione.. Insomma una quantità di cose orribile…

Rispondi
Marcello Chiapponi
22 giugno 2018 06:09

ciao, grazie per i complimenti. Ho dovuto modificare il commento togliendo la parte molto personale, ti sconsiglio di scrivere pubblicamente certi dettagli 😉

Rispondi
Antonio
2 agosto 2018 23:14

Salve io ho come delle fitte sul petto e dietro la schiena all altezza delle spalle possono derivare da tensioni muscolari? Consideri ho fatto un massaggio e non potevano toccarmi perche appena facevano pressione mi facevano male

Rispondi
Marcello Chiapponi
14 agosto 2018 10:23

Buongiorno. Se la muscolatura è “intoccabile”, in genere è proprio segno di contrattura da stress nervoso molto forte..

Rispondi
Giacomo
29 agosto 2018 19:30

Ciao Marcello, sono finito qui dopo aver sentito la tua intervista sul podcast di Dario Vignali, incuriosito, in quanto anche io faccio un lavoro off-line per cui al momento non vedo sbocchi off-line (che invece mi piacerebbe trovare). Innanzitutto voglio farti i complimenti per i contenuti, da appassionato di lunga data delle materie che tratti li ho trovato molto curati e ben fatti! In particolare devo dire che mi ha colpito questo articolo, sarà perchè ahimè sto vivendo i problemi che in esso descrivi. A tal proposito mi ha incuriosito in particolare una cosa ed è quando parli di iperventilazione nel caso di sistema nervoso fortemente attivo, perchè molte volte ultimamente mi sono reso conto di aver il respiro corto quando faccio le scale. Pratico il cross-training da un anno, tre volte a settimana, ed ho avuto sempre la sensazione che non sia l’attività giusta per me, fatico (e ci sta) ma con scarsissimi risultati e miglioramenti quasi nulli. Credo di aver capito il motivo ora!
Grazie e buon lavoro!

Rispondi
Marcello Chiapponi
30 agosto 2018 07:47

Ciao Giacomo, e grazie dei complimenti! Per qualsiasi cosa tu abbia bisogno, scrivimi pure dalla pagina contatti: non ho capito se riguardo al problema hai una domanda specifica..

Rispondi
Giacomo
30 agosto 2018 11:18

Ciao Marcello, la domanda è: è controproducente un’attività come il cross-training in questi casi? Da quanto ho letto credo di aver capito di sì, chiedevo una tua conferma!
Grazie

Rispondi
Marcello Chiapponi
5 settembre 2018 06:39

Ciao Giacomo. Non vedo il perchè dovrebbe esserlo a priori…qual’è il passaggio dove hai inteso ciò?

Rispondi
Giacomo
13 settembre 2018 22:57

Strategia bis #4, quando consigli attività aerobica. Credevo che di contro le attività anaerobiche fossero sconsigliate!

Marcello Chiapponi
14 settembre 2018 04:29

Nessuna attività è sconsigliata a priori. L’attività aerobica è in genere più facile da intraprendere e portare avanti. Anche l’anaerobica ha i suoi vantaggi, ma indiscutibilmente è più difficile

Cinzia
5 ottobre 2018 14:00

Ciao Marcello, innanzitutto grazie e complimenti per tutte le informazioni che ho letto. Ho 51 anni, di natura ansiosa, ho sofferto in passato di attacchi di panico che sono riuscita a gestire e che non si sono più ripresentati. Sei mesi fa ho cominciato ad avvertire un dolore bruciante (ma comunque sopportabile) ai muscoli anteriori di tutte e due le cosce, fino al ginocchio. Dopo alcuni giorni sono scomparsi per poi ritornare dopo un paio di mesi e poi di nuovo scomparire. Ora si sono ripresentati, in più ho la stessa sensazione anche alle braccia. Ho fatto una visita neurologica risultata nella norma. Non so più cosa pensare. Pur avendo varie problematiche alla colonna (varie protrusioni sia a livello lombare che cervicale) il medico dice che ciò non giustifica questi disturbi. Quello che mi fa preoccpuare è il carattere intermittente di questi disturbi. Mi farebbe piacere avere un tuo parere.
Grazie mille!

Rispondi
Marcello Chiapponi
10 ottobre 2018 07:09

Ciao Cinzia. Ho scritto un articolo sul dolore anteriore di coscia, lo trovi qui

Rispondi
Chiara
28 novembre 2018 13:10

Ciao Marcello, sono Chiara e ho 29 anni. Da almeno un paio di mesi ho iniziato ad avere male a collo, spalle (soprattutto la destra), gomiti, polsi, ginocchia e soprattutto pollici (fanno male i palmi delle mani in zona tunnel carpale). A volte mi pare che il braccio destro sia stato sotto grande sforzo e come avvolto da delle bende. Sono in terapia da uno psichiatra da 3 anni causa episodi depressivi, e lui chiaramente attribuisce tutti questi sintomi ad ansia e rabbia, ma sto comunque aspettando gli esiti degli esami del sangue per le malattie reumatiche perche il medico di base vuole escluderle prima di darmi una terapia alternativa. Il mio umore sicuramente è molto basso per insoddisfazione personale, una relazione disastrata e problemi seri di alluce valgo che mi stanno rendendo difficile camminare se non con scarpe da running. Ho letto il tuo articolo, in molte parti (problemi gastrointestinali a parte) mi ci ritrovo…e volevo chiedere: davvero tutti i dolori che ho possono dipendere da una mia “somatizzazione”? E, se si, devo rassegnarmi a conviverci o davvero le cose possono tornare come prima che iniziassero?
Grazie mille

Rispondi
Marcello Chiapponi
29 novembre 2018 06:44

ciao Chiara. Le ipotesi sono sempre aperte, purtroppo non c’è modo di verificare al 100% se ci sia una somatizzazione o meno. Lavorare per migliorare il proprio stato di forma è comunque una ottima idea in ogni caso…

Rispondi

Lascia un commento Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu